11221915

Comunicato stampa del 20/06/2015

Nasce un’edizione invernale e itinerante di Flormart che si chiamerà “Flormart in tour”. E’ una delle tante novità di quest’anno dello storico salone internazionale di Padova per i professionisti del florovivaismo e del giardinaggio, che ha deciso di ripensarsi in relazione alle mutate esigenze del mercato. E così non si accontenterà più di attirare espositori e visitatori verso l’edizione principale nel quartiere fieristico di Padova a settembre (quest’anno dal 9 all’11), ma li andrà a ricercare e interessare, ad anni alternati, nei principali luoghi di produzione italiani e nei più promettenti mercati di sbocco esteri, proponendosi sempre di più come strumento di ascolto e confronto, non solo contenitore espositivo.

Per il debutto della nuova manifestazione che si terrà verso la metà di gennaio del 2016 è stata scelta la Toscana e in particolare il mercato dei fiori di Pescia, dove “Flormart in tour” è stata presentata oggi dall’amministratore delegato di PadovaFiere e dal sindaco di Pescia Oreste Giurlani, insieme a esponenti del florovivaismo nazionale quali il vicepresidente di Piante e Fiori d’Italia Roberto Chiti (di Cia) e il responsabile nazionale di settore per Confagricoltura Francesco Mati. Il mercato di Pescia è un’altra realtà storica del florovivaismo italiano che ha intrapreso la via del rilancio ed è attualmente gestita dall’azienda speciale comunale Mefit (Mercato Fiori Piante Toscana).

Flormart in Toscana”, così si chiamerà la prima edizione di “Flormart in tour”, è un riconoscimento al valore e alle prospettive del vivaismo e della floricoltura toscane, che sono concentrate in gran parte nei territori provinciali di Pistoia e Lucca, e nel complesso equivalgono a circa il 30% del Pil agricolo della regione, con quasi 3.600 aziende che operano su una superficie intorno ai 7.200 ettari. Ma è anche un’attestazione dell’appeal e della versatilità del Mefit di Pescia, il principale mercato per il commercio all’ingrosso di piante e fiori dell’Italia centrale, che è situato proprio al confine fra il territorio pistoiese e la Lucchesia, e genera, con le sue quasi 650 aziende iscritte – suddivise tra produttori (282), commercianti (331), trasportatori (18 tra abituali e saltuari) ed attività correlate – un volume di affari annuale stimato oltre i 70 milioni di euro.

In occasione di “Flormart in Toscana” la spettacolare tensostruttura del mercato pesciatino (tra le più rilevanti opere di architettura contemporanea della regione) ospiterà, oltre agli stand degli espositori locali ed extraregionali, “Master Flower Spring Summer Trends” a cura di diADE adv: una serie di dimostrazioni di composizioni floreali in tempo reale a partire da tendenze e aree tematiche suggerite da diADE sulla base di criteri sia estetici che commerciali, con l’obiettivo di dare ai professionisti di piante e fiori in visita alla fiera suggerimenti utili per fare aumentare le vendite. Inoltre “Flormart in Toscana” darà visibilità ai prodotti e alle persone premiate in alcuni dei nuovi concorsi dell’edizione principale di Flormart. Ad esempio, tanto per citarne un paio, alle piante, i fiori, gli accessori tecnologici e le formule di vendita più innovativi selezionati dal premio “nòva_green”, che consentirà ai vincitori di utilizzare il marchio del concorso come riconoscimento di un’eccellenza da spendere sul mercato. E ancora ai progetti di giardini temporanei vincitori del Flormart Garden Show, il nuovo concorso internazionale di architettura del paesaggio.